Power yoga: perché l’ho scelto per il mio teacher training

Power Yoga

Ho iniziato a praticare yoga circa 2 anni fa (power yoga 1 anno fa), inizialmente un po’ per gioco e per una necessità fisica, successivamente per passione. Una passione travolgente che pian piano mi ha portato a dedicare sempre più tempo a questa disciplina, regalandomi soddisfazione, motivazione e energia.

Ormai tutti sanno che lo yoga fa bene, ma specialmente all’inizio è difficile cogliere i veri effetti benefici. Fa bene a corpo e mente, ma non sempre si ha la consapevolezza di ciò che succede. Inizialmente mi motivava sapere che praticando yoga facevo un regalo al mio corpo completamente rigido e inflessibile, e questo più o meno mi bastava; ma per me era davvero difficile identificare una sensazione o un effetto benefico della mia pratica. Non riuscivo a capire cosa le persone provassero di così tanto piacevole, ma volevo arrivare a toccarmi le punte dei piedi 😀

Con il passare del tempo, ho iniziato a capire qualcosa di più. Ho capito che lo yoga non è circo (ma che anche il circo è divertente), che non importa se non appoggi il naso alle ginocchia e che ciò che conta è il percorso che si compie per arrivare a una posizione, e non la posizione stessa. L’ho capito su me stessa, dopo essermi fatta male un po’ ovunque, più o meno seriamente. Sono la classica persona testarda che ci deve sbattere la testa…

Dopo aver sperimentato qualche stile, e aver praticato a casa, o in diversi centri con vari insegnanti, ho iniziato a provare finalmente quella sensazione di benessere a fine pratica che ti fa dimenticare chi sei e in che pianeta vivi. Lo yoga serve proprio a questo: a svuotare la mente e a farci dimenticare del corpo. O meglio a fondere mente e corpo. Con il passare del tempo ho iniziato a riconoscere sempre questa sensazione, e ad avere tanti benefici e miglioramenti a livello fisico; ma nonostante praticassi spesso sia per conto mio sia nei centri yoga, sentivo di aver bisogno di qualcosa di più, di un passo successivo.

Power Yoga: Claudia Casanova

Power Yoga: Claudia Casanova

Perché un teacher training? E perché power yoga?

Quando si frequenta una centro yoga, spesso si cambiano insegnanti, si frequentano lezioni diverse e si imparano tanti stili, flow o pose nuove. Ma difficilmente si ha un percorso di crescita personalizzato. Ad un certo punto ho iniziato a sentire la necessità di avere un mio percorso: volevo diventare brava ma soprattutto volevo capire di più. E a quel punto avevo due possibilità davanti a me: iniziare a pagare delle lezioni private o seguire un teacher training.

Sono due cose completamente diverse, ma in entrambi i casi avrei aumentato la mia consapevolezza e la mia conoscenza. Ho sempre pensato che insegnare yoga non fosse per me: io sono più da workout distruttivi, mi piace spingere le persone oltre i propri limiti e urlare come una pazza per motivarle (e insultarle ahhaha) nei momenti più difficili.

Poi ho scoperto il power yoga!

La parola power yoga viene spesso utilizzata impropriamente: in certi casi si tratta di corsi di fitness, in altri casi si tratta di lezioni di yoga dinamico normalissimo. Io non so quale sia la verità assoluta, ma il power yoga che mi è stato insegnato è più dinamico di quello che in alcuni centri chiamano yoga dinamico. E’ uno stile che si basa sul vinyasa e sull’ashtanga, ma ad ogni respiro corrisponde un movimento. Le posizioni non si tengono quasi mai, il flow è dinamico e continuo, il corpo si muove al ritmo del proprio respiro.

Si suda tanto e me ne sono innamorata fin da subito perché mi ha fatto trovare il mio “equilibrio”. Ovviamente tutto è relativo e soggettivo. Io sono una persona molto energica; lavoro 8 ore al giorno seduta in una scrivania ed esco dall’ufficio con il mal di testa e i muscoli intorpiditi. Cosa fare per rilassarsi? Stancare il corpo per rilassare la mente! E il power yoga sposa alla perfezione questa mia esigenza!

Ho scelto il teacher training del Pura Vida Power Yoga di Milano. Il Pura Vida è il centro di riferimento milanese per il power yoga. Ho frequentato una formula weekend per prendere il certificato di 200 h di Yoga Alliance. Ho preferito questa formula rispetto alle 3 settimane intensive, per esigenze lavorative. Non volevo investire tutte le mie ferie annuali, e mi piaceva l’idea di “spalmare” questa conoscenza su un periodo più lungo di 3 settimane, per dare il tempo alla mia mente di assimilare le informazioni nuove, e al mio corpo di migliorare con la pratica (che in quel periodo era molto più intensa e frequente del normale).

Teacher Training - Claudia Casanova

Teacher Training – Claudia Casanova

Sia il corso che le lezioni del centro sono in inglese, il che significa che da un lato mi son dovuta mettere a studiare anche il lessico, ma dall’altro mi sono messa in gioco ancora di più. Quello che ho apprezzato di più è il metodo: mi hanno trasmesso un modo di insegnare che per ogni posa e transizione prevede indicazioni chiare, sintetiche ed efficaci.

Il teacher training non è stata una soluzione ma un punto di partenza. Ho imparato le tecniche di base, e ho aperto tanti primi capitoli per poi capire quali fossero i miei interessi e le mie curiosità. Per essere un bravo insegnante non basta avere un certificato, quello è solo un punto di partenza. Per essere un bravo insegnante bisogna avere esperienza, essere sempre pronti a mettersi in gioco e sperimentare, conoscere bene l’anatomia e fisiologia del corpo…ed essere in grado di entrare in sintonia con le persone per trasmettere l’energia giusta (anche senza urlare e insultarle ahhahaha).

Io non ho ancora nessuna di queste caratteristiche…ma penso di avere altre caratteristiche importanti: curiosità, determinazione e obiettivi da raggiungere!

L’esperienza si costruisce, e ora metto il primo mattoncino, sperimento e mi diverto a condividere tutto questo con voi ogni giovedì, proprio al Pura Vida. 

Il mio consiglio? Seguite sempre le vostre passioni….e le giornate dureranno molto più di 24 ore! 😀

Yoga - Claudia Casanova

Yoga – Claudia Casanova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.