Come scegliere un gelato buono, sano e naturale

Il gelato è uno dei tanti piaceri culinari italiani e i dati ci dicono che piace al 95% degli italiani! Esiste un gelato davvero per tutti i gusti ed è perfetto per i mesi più caldi dell’anno. Il gelato è il classico peccato di gola durante una passeggiata estiva, una merenda o il dolce dopo cena. Alcuni lo scelgono anche come pranzo, per gustare supercoppette ripiene di tanti gusti sfiziosissimi. Ma il gelato fa bene?

Gelato artigianale vs industriale: ecco le differenze

Gli effetti del gelato sulla nostra alimentazione e salute dipendono dagli ingredienti con cui viene preparato. Per questo motivo è bene distinguere tra due grandi tipologie di prodotti: artigianali e industriali.

Il gelato industriale spesso è preparato con ingredienti non freschi (ad esempio polveri, concentrati, ecc.) e contiene additivi come aromi, stabilizzanti, emulsionanti, coloranti e addensanti. Gli additivi però non sempre sono nocivi: esistono ad esempio additivi naturali innocui per la salute, utilizzati anche in tanti gelati artigianali per stabilizzare il composto durante la preparazione.

Il gelato artigianale generalmente è preparato con ingredienti freschi che determinano però una riduzione della durata del prodotto. Questo non significa che qualsiasi gelato artigianale sia di qualità: bisogna sempre far attenzione agli ingredienti! Un artigiano può tranquillamente scegliere di utilizzare ingredienti in polvere invece che ingredienti freschi, o aggiungere additivi, grassi vegetali ecc.

Ciò che contraddistingue maggiormente il gelato artigianale da quello industriale è l‘incorporazione dell’aria. Durante il processo di produzione, il gelato viene miscelato e portato al congelamento incorporando una certa quantità d’aria che ne determina l‘aumento di dimensione. L’aria è a tutti gli effetti un fattore di qualità del gelato.

In base alla quantità d’aria incorporata (che può essere favorita dalle materie prime utilizzate) varia un indice chiamato OVERRUN, che rappresenta l’aumento in percentuale delle dimensioni del gelato. Un gelato artigianale è caratterizzato da una fase di incorporazione lenta dell’aria e un indice di OVERRUN che arriva massimo a 30-50%; un gelato industriale può arrivare anche a un overrun del 100-130%, duplicando le sue dimensioni e apparendo “gonfio”, soffice e leggero.

eac538cc-4806-46f5-bc2a-685126bbf07d

COME E’ FATTO IL GELATO: ingredienti e calorie

Tutti i gelati vengono preparati con ingredienti base come latte, zucchero e uova, a cui vengono aggiunti altri ingredienti che variano in base al gusto del gelato. Alcuni gelati come ad esempio i gusti alla frutta, possono essere preparati anche senza latte e/o uova e l’apporto calorico è inferiore rispetto ad altri gusti.

I gusti a base di creme contengono spesso la panna, che ne aumenta la cremosità e l’apporto calorico. Alcuni gelati, specialmente quelli industriali, al posto della panna possono utilizzare oli e grassi vegetali: questi dal punto di vista della salute sarebbero da evitare, ma spesso vengono scelti perché esaltano il sapore ma soprattutto aumentano la resistenza del gelato a temperature più elevate (il classico gelato che non si squaglia).

Nei gelati a base di frutta secca (pistacchio, nocciola, ecc.)  aumenta la quantità di grassi contenuta, ma in questi casi si tratta di grassi benefici. Ecco qualche riferimento calorico.

APPORTO CALORICO (gelato artigianale):

  • Gelato alla frutta (sorbetto): 100 g contengono circa 120- 130 Kcal
  • Gelato alla nocciola o pistacchio (frutta secca): 100 g contengono circa 200 Kcal
  • Gelato alla panna e creme: 100g contengono circa 200 – 250 Kcal

Considerando che ogni pallina pesa circa 60 g, e un cono ha circa 40 Kcal, fate i vostri conti 🙂 Se si vuole sostituire il pranzo con un gelato bisogna sempre ricordare che è un alimento altamente digeribile ma ha anche un indice di sazietà piuttosto basso.

COME SCEGLIERE UN BUON GELATO

Un buon gelato si riconosce perché:

  • Si scioglie velocemente: i gelati che non si sciolgono probabilmente contengono oli o grassi vegetali
  • Non contiene aromi, coloranti, addensanti e emulsionanti indicati con la lettera E seguita da un codice
  • Contiene solo additivi e aromi naturali, o non li contiene proprio
  • Ha una consistenza cremosa senza grumi di ghiaccio
  • Non da la sensazione del gelato “gonfio”: quando si assaggia sembra di averne preso una grande quantità ma poi in realtà in bocca non ne rimane!

GELATO A CASA O IN GELATERIA?

Mangiare un buon gelato fuori casa è molto semplice, tutti hanno la propria gelateria preferita e conoscono gusti e ingredienti utilizzati. La mia preferita ad esempio è “Il massimo del gelato” a Milano.

Ma se volessimo gustare un buon gelato anche a casa?

GELATAIO

La prima possibilità è comprare una vaschetta take away dalla nostra gelateria preferita, sapendo però che la possibilità di conservarlo è limitata (in genere meno di una settimana) e dopo poco si perdono gusto e proprietà.

In alternativa si trovano dei gelati artigianali anche al supermercato, che sono più semplici da conservare grazie al processo di omogeneizzazione a cui vengono sottoposti.

Alla scoperta di GELATO MADRE

Gelato Madre è una di queste possibilità, e si può trovare in diversi supermercati. Gelato 100% italiano preparato da un‘azienda italiana a conduzione familiare che offre una gamma di 5 gusti (crema, cioccolato fondente, pistacchio, nocciola e limone), preparati solo con 5 ingredienti . Non vengono mai utilizzati additivi (ne naturali ne artificiali) rendendo la preparazione del gelato particolarmente complicata.

gelato

Gli ingredienti utilizzati oltre ad essere 100% naturali sono molto ricercati: il pistacchio è solo di Bronte, il limone è solo di Sorrento, le nocciole son solo del Piemonte, ecc., e il gusto si sente!

Dimenticatevi la cremosità del gelato appena tolto dal freezer: senza additivi è impossibile ottenerla! Quando il gelato è veramente artigianale è necessario toglierlo dal freezer almeno 10/ 15 minuti prima.

Gelato si o no?

Assolutamente si, a patto che sia preparato con ingredienti naturali e di qualità, che non contenga sostanze dannose per la salute, e che sia correttamente inserito all’interno di una dieta bilanciata (magari se si mangia una pizza e un piatto di pasta il gelato si può evitare 😀 ). Da non sottovalutare l’apporto di grassi, specialmente per chi ha problemi di colesterolo.

Per il resto… buon appetito!

 

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.